HOME CHI SIAMO MULTIMEDIA CONTATTI LINK

Legislazione

"1000 cantieri per lo sport" (28/04/2015)
Nell’ambito del progetto “1000 cantieri per lo sport”, nato dalla collaborazione tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e l’ICS, parte l’iniziativa “500 impianti sportivi di base”, condivisa dalle Regioni e Province Autonome, grazie alla quale associazioni e società sportive dilettantistiche, parrocchie ed enti religiosi, onlus, federazioni sportive, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva, Comuni e Province, possono ottenere mutui a TASSO ZERO per la ristrutturazione o la realizzazione di impianti sportivi di base. Sono stati previsti almeno 500 interventi, equamente distribuiti a livello territoriale, per i quali i beneficiari potranno ottenere mutui a tasso zero fino a 150.000,00 euro per una durata di 15 anni (enti Locali) o di 10 anni (altri beneficiari). Tra gli interventi ammissibili, per progetti fino ad 1 milione di euro, sono individuate delle priorità costituite da interventi su impianti esistenti, totalmente o prevalentemente relativi a lavori di efficientamento energetico, abbattimento barriere architettoniche, adeguamento e messa a norma e bonifica dell’amianto o altre priorità individuate su base regionale. Sono inoltre ammissibili interventi per ristrutturare, ammodernare, ampliare, completare, attrezzare, riconvertire, manutenere o mettere a norma e in sicurezza, compresi gli interventi di bonifica dell’amianto, gli impianti sportivi di base esistenti o per realizzarne di nuovi. Le domande si potranno presentare a partire dalle ore 10:00 dell’11 maggio 2015 mediante invio di PEC all’indirizzo impiantisportividibase@legalmail.it e fino alle ore 17 del 15 luglio 2015. Di seguito è disponibile il regolamento, per prendere nota dei requisiti previsti per l’accesso alle agevolazioni e la modulistica per richiedere il contributo. Successivamente sarà resa disponibile la documentazione necessaria per completare la richiesta di mutuo per coloro che saranno ammessi alla seconda fase. Per finanziare la parte di progetto eccedente la quota di 150.000,00 euro coperta dal mutuo a tasso zero si potrà ottenere un mutuo con un contributo negli interessi dell’1,20% per gli Enti Locali e dell’1,50% per gli altri soggetti beneficiari. Per qualsiasi informazione potete rivolgervi al numero verde 800.298.278 o utilizzare l’email info1000cantieri@creditosportivo.it
Regolamento.pdf
Domanda contributo.pdf
Certificazione omologazione impianto.pdf


Disciplina del 5 per mille a favore della A.S.D. (09/04/2015)
In riferimento all’ammissione al beneficio del 5 per Mille si comunica che l’Agenzia delle Entrate il 20 marzo ha pubblicato la circolare n. 13/E contenente in dettaglio termini e modalità per accedere al beneficio per l’anno 2015. Si rammenta che a decorrere dall’esercizio finanziario 2012, ai sensi dell’articolo 2, comma 2, del Decreto Legge del 2 marzo 2012, n. 16, convertito con legge 26 aprile 2012 n.44 possono partecipare al riparto del 5 per mille anche gli enti che, pur non avendo assolto in tutto o in parte, entro i termini di scadenza, agli adempimenti richiesti per l’ammissione al contributo, siano tuttavia in possesso dei requisiti sostanziali e provvedano a presentare la domanda di iscrizione e ad effettuare le successive integrazioni documentali entro il 30 settembre 2015 con contestuale versamento del tributo previsto. I legali rappresentanti delle associazioni sportive dilettantistiche, residenti nella Regione Sicilia, presenti negli elenchi ufficiali dell’Agenzia delle Entrate dovranno presentare le dichiarazioni sostitutive, solo ed esclusivamente, al CONI Comitato Regionale della Sicilia – Via Pietro Nenni, 24 – 90146 PALERMO, a mezzo raccomandata A.R. entro il termine perentorio del 30 giugno 2015 (farà fede la data di spedizione del timbro apposto sulla busta) che dovranno essere accompagnate, a pena di decadenza del beneficio, dalla copia di un documento d’identità del dichiarante, ai sensi dell’art. 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n.445, relativa alla persistenza dei requisiti per partecipare al riparto della quota del 5 per mille per l’anno 2015.
D.P.C.M. del 23 aprile 2010.pdf
Circolare n. 13 del 26 marzo 2015 - Agenzia delle Entrate.pdf
Istruzioni per la compilazione della domanda di iscrizioni al 5 per mille.pdf
Modello iscrizione al 5 per mille.pdf
Dichiarazione sostitutiva da trasmettere al Coni.pdf


Lotta contro l’abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile. (06/04/2014)
In riferimento alla concreta attuazione del decreto legislativo n. 39/2014 e, in particolare, all’obbligo di presentazione del certificato penale da parte delle associazioni e società sportive dilettantistiche, a seguito dei chiarimenti in proposito forniti dall’ufficio legislativo del Ministero della Giustizia (vedi note allegate), si rappresenta quanto segue. Con la prima nota si chiarisce che l’obbligo di presentazione del certificato penale trova applicazione solo ed esclusivamente con riferimento ai rapporti di lavoro definiti, in relazione ai quali, cioè, il soggetto che si avvale dell’opera di terzi assume a tutti gli effetti la qualità di “datore di lavoro”. In questo caso, l’obbligo sussiste a partire dal 7 aprile 2014 per i datori di lavoro che intendano impiegare una persona per lo svolgimento di attività che comportino contatti diretti e regolari con minori. Ciò premesso, non rientrano nell’obbligo della certificazione del casellario giudiziale tutti i soggetti che prestano la propria opera presso le società e associazioni sportive dilettantistiche (istruttori e tecnici compresi) con i quali non si sia configurato un rapporto di lavoro autonomo o subordinato.
Decreto legislativo n. 39-2014.pdf
Interpretazione della norma per le A.S.D..pdf
Richiesta certificato penale e atto notorio sostitutivo.pdf


Obbligo per le A.S.D. di comunicare all’Agenzia delle entrate dati e notizie rilevanti ai fini fiscali (Modello EAS) (28/01/2009)

Agenzia delle Entrate - Circolare n. 12 del 9 aprile 2009.pdf
Agenzia delle Entrate - Circolare n. 13 del 9 aprile 2009.pdf
Agenzia delle Entrate - Circolare n. 45 del 29 ottobre 2009.pdf
Modello EAS.pdf
Istruzioni per la compilazione modello EAS.pdf


Norme in materia di associazioni sportive dilettantistiche - Legge n. 289/2002 (27/12/2002)

Legge 27 dicembre 2002 n. 289.pdf
Agenzia delle Entrate - Circolare n. 21 del 22 aprile 2003.pdf
Modifiche apportate con i DD.LL. nn. 128-136 del 2004 - Circolare CONI.pdf
Interpretazione comma 11 bis art. 90 L. 289-2002.pdf


Regolamento recante semplificazione del procedimento per il rilascio dell’autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande da parte di circoli privati. (04/04/2001)

D.P.R. n. 235 del 4 aprile 2001.pdf


Disciplina delle associazioni di promozione sociale (07/12/2000)

Legge n. 383 del 7 dicembre 2000.pdf


Riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (Legge n. 460/97) (04/12/1997)

D.Lgs. n 460 del 4 dicembre 1997.pdf


Disposizioni tributarie relative alle associazioni sportive (Legge n. 398/91) (16/12/1991)

Legge n. 398 del 16 dicembre 1991.pdf
Agenzia delle Entrate - Circolare n. 9 del 24 aprile 2013.pdf