HOME CHI SIAMO MULTIMEDIA CONTATTI LINK

Il presidente

Massimo Motta.jpgIl Presidente regionale Massimo Motta è nato il 30 marzo 1974 a Catania.
Ex allievo della scuola salesiana e impegnato nell’oratorio-parrocchia di San Gregorio di Catania.
Nell’ambito sportivo, è stato dirigente locale e Presidente della Asd Don Vincenzo Scuderi. 
Presidente provinciale di Catania dal 2006 al 2017.














Il messaggio del Presidente all’inizio della stagione sportiva 2018-19


Siamo ai nastri di partenza della nuova stagione sportiva che vede una ricca programmazione di eventi e attività promosse a livello regionale e nei diversi territori.

All’inizio dell’anno vogliamo condividere alcune riflessioni affinché diventino per tutti e per ciascuno un impegno, un obiettivo concreto nell’azione di educazione attraverso la pratica sportiva.

Un elemento fondamentale dello sport è la cultura dell´impegno. Oggi c´è una tendenza a voler cancellare completamente la parola "sforzo" dalla nostra vita.

Tutto dovrebbe essere facile. Si cercano ovunque scorciatoie per raggiungere qualche obiettivo. 

Nello sport l´impegno è fondamentale. Per arrivare al traguardo, sono necessari tanto sudore e tanto allenamento. Per questa ragione è importante educare i giovani allo spirito di sacrificio, che può essere trasmesso anche nella vita quotidiana.

Un secondo aspetto educativo sta nella cultura dell´incontro con gli altri

Oggi, purtroppo, il tempo libero viene utilizzato in modo sempre più solitario e individualista. Per molti giovani, il migliore amico è il computer.

Lo sport è bello perché abitua ad un vero, sincero e genuino contatto con gli altri. In un mondo spesso dominato dagli incontri virtuali, può aiutare a costruire una migliore cultura del rispetto e dell´amicizia.

Lo sport può avere una funzione educativa importante per i ragazzi, abituandoli a rispettare regole e comportamenti precisi. In alcune situazioni del mondo di oggi sembra trionfare la libertà di fare tutto senza pensare troppo agli altri. Pensiamo, ad esempio, ad alcuni episodi di bullismo, di violenza e di vandalismo che hanno riempito le pagine dei giornali.

Certi episodi, ovviamente, non rappresentano lo specchio della gioventù di oggi (che è certamente migliore) ma devono ugualmente farci riflettere. Se i giovani non vengono educati al rispetto delle regole rischiano di finire... in fuori gioco.

Lo sport, con le sue regole, può rappresentare una grande opportunità formativa per i giovani. Li può aiutare a costruire una sana cultura della convivenza e del rispetto degli altri.